en

Mission e Obiettivi

* Ravenna e la Romagna: Ravenna si candida a Capitale Europea della Cultura con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, della Provincia di Ravenna, dei Comuni di Rimini, Forlì, Cesena, Faenza e dei comuni dell’area faentina, di Cervia, Russi e dell’Unione dei comuni della Bassa Romagna. Ravenna e le città della Romagna costituiscono un unicum territoriale, ovvero un vissuto di storia e storie che, attraverso il percorso di candidatura, ha l’ambizioso obiettivo di portare “il sistema Romagna” ad emergere a livello nazionale ed europeo come macrolaboratorio di sperimentazione, capace di produrre cultura in maniera partecipata e sinergica.

* Il rapporto tra antico e contemporaneo: Ravenna intende stimolare, grazie alla candidatura, un riequilibrio nel rapporto tra antico e contemporaneo, abbozzando un profilo di identità nel quale il passato viene reinterpretato in modo innovativo, senza nostalgie e senza retaggi puramente conservativi, ma come base storicizzata e fonte di ispirazione di un futuro da costruire.

pulsantebrochure

scarica il pdf della brochure sulla candidatura di Ravenna

* I Mosaici di Cultura: Ravenna ha generato in passato visioni artistiche che sono pietre miliari nella storia del nostro continente e oggi, attraverso il progetto Mosaici di cultura, vuole proporre nuove visioni per l’Europa. La metafora del mosaico ben si presta a dare l’idea dell’incontro tra la pluralità di forme ed esperienze che innerva il discorso artistico-culturale del nostro tempo. In questa ottica, il dialogo con la contemporaneità affronta nel nostro percorso una serie di temi rilevanti per il futuro del territorio, quali l’ospitalità e la diversità culturale, il conflitto e le sue possibili composizioni, il rapporto con l’acqua e le relazioni con l’esterno, la creatività e le nuove tecnologie, le trasformazioni e il fare insieme.
Le linee programmatiche della candidatura così individuate andranno riempite con progettualità condivise e partecipate con i cittadini e le organizzazioni del territorio, affinché la parola “insieme” diventi effettivamente la chiave di volta della contemporaneità.