Innamorarsi di tutto ciò che non conosciamo. A Salonicco #3

Il mio viaggio di ritorno da Salonicco a Ravenna inizia sul taxi dal centro all’aeroporto: sul taxi guidato da Ioannis siamo io, un parigino di nome Stanislav, Mar di Granada, Heléné di Bruxelles. Non pensate anche voi che questo sia un vero mosaico di culture?
Mentre ci insegniamo a vicenda parole nelle nostre rispettive lingue, io spio la strada fuori dal finestrino pensando a quanto sarebbe bello vivere in una città così vibrante e prima di scendere regalo la mia spilla di Ravenna2019 al taxista, così che si ricordi di noi.

Adoro volare: guardare dall’oblò dell’aereo una città di cui sono innamorata che si allontana velocemente da me, mi rende più riflessiva che mai. Durante questo volo ripenso a quanto siano stati intensi questi quattro giorni, li ripercorro quasi minuto per minuto: un insieme di persone interessanti, workshop coinvolgenti ed illuminanti, culture e lingue differenti, conditi da un bicchiere di rakì durante la sera e accompagnati da una colonna sonora di rebetiko.

20140511_124714 (1)

La cosa che mi piace dei progetti a livello europeo è la vorace voglia di conoscenza: quello che io e tutti i ragazzi incontrati durante lo European Youth Dialogue abbiamo in comune è la curiosità nei confronti dello scambio culturale e di idee, il desiderio di approfondire tutto ciò che non conosciamo. Il mio entusiasmo nei confronti dei progetti europei è stato fortemente incoraggiato da tutti gli altri ragazzi che, come me, rappresentavano allo European Youth Dialogue le organizzazioni per cui lavorano: tutti loro mi chiedevano spille, bloc notes di Ravenna2019 e appena hanno avuto una connessione disponibile, hanno messo il loro like sulla nostra pagina Facebook. Io ho fatto lo stesso per loro, ci siamo sostenuti a vicenda.

20140510_100523

Sono tornata a casa domenica sera e da allora non faccio che ascoltare canzoni greche, rebetiko e Omorfì Thessalonikì; non riesco a togliermi Salonicco e questi tre giorni di European Youth Dialogue dalla testa.

Ravenna2019 mi ha offerto molte opportunità dal momento che ne sono diventata volontaria, ma questa di partecipare allo European Youth Dialogue non ha paragoni: rappresentare la mia città ad una conferenza a livello europeo è stato un onore e un piacere. Cos’ho pensato sul volo che mi ha riportata a casa? Grazie Ravenna2019!

Carlotta Taroni

Tags: , ,